Home presentazione Trasparenza Am. attivitą Albo Pretorio
Home
presentazione
Trasparenza Am.
attivitą
Albo Pretorio
fotoalbum
storia
organizzazione
news
falvaterra
pastena
pico
pontecorvo
s. g. incarico
bandi concorsi
statuto
video
convocazioni
 Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi.
 
Pastena è nota soprattutto per le splendide Grotte, uno dei complessi speleologici più importanti e suggestivi della nostra penisola. Esplorate per la prima volta nel 1926, si suddividono in due rami sovrapposti: uno ancora attivo (lungo 2217 m) essendo percorso da un fiume ed esplorabile con piccoli battelli o a guado, il secondo invece fossile, della lunghezza di 880 m ed interamente visitabile. 
Lo spettacolo è straordinario: cascate, laghetti, stalattiti e stalagmiti, cunicoli e grandi sale, uno scenario davvero unico per maestosità e mistero. Di antica origine volsca, Pastena (il cui nome deriva dall'antico vocabolo "pastinare" che significa coltivare) è caratterizzata da un centro storico tipicamente medioevale protetto da una cinta muraria munita di 15 torri a pianta quadrata e circolare che nell'XI secolo la resero un villaggio fortificato. Percorrendo oggi i suoi vicoli, le piazzette e le scalinate si possono ammirare gli antichi portali in una suggestiva atmosfera tra passato e presente. Da visitare la chiesa di S. Maria Maggiore (sec. XI), la chiesa di S. Maria del Parco dalla splendida facciata in stile barocco del XVII secolo ed il "Museo della Civiltà Contadina e dell'Ulivo". Ubicato al di sotto della Casa Comunale ed allestito all'interno di un antico frantoio risalente alla fine dell'Ottocento, è dedicato alle tradizioni popolari ed alle arti lavorative contadine: un importante patrimonio culturale che il Museo intende custodire e tramandare.






Site Map