Home presentazione Trasparenza Am. attivitą Albo Pretorio
Home
presentazione
Trasparenza Am.
attivitą
Albo Pretorio
fotoalbum
storia
organizzazione
news
falvaterra
pastena
pico
pontecorvo
s. g. incarico
bandi concorsi
statuto
video
convocazioni
 
Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi.
 

La XVI Comunità montana è impegnata nella protezione, valorizzazione, promozione e crescita del proprio territorio.


In particolare le attività negli ultimi anni si sono concentrate nei seguenti settori :

1) attività antincendio boschivo e protezione civile;
2) protezione idrogeologica e ambientale;
3) viabilità nelle aree rurali;
4) approvvigionamento idrico;
5) potenziamento mezzi; 
6) promozione del territorio;
7) occupazione giovanile.

Convegno 26 aprile presso Centro Visite Area Protetta Grotte di Falvaterra

                       

Organizzazione Falvaterra Underground

Come da programma si è svolta, domenica 18 agosto, la giornata dedicata alla  visita speleoturistica del complesso ipogeo delle Grotte di Falvaterra e Pastena, manifestazione intitolata “Falvaterra Underground”.

La visita è stata organizzata dalla XVI Comunità Montana dei Monti Ausoni di Pico  e dal Comune di Falvaterra, con la finalità di  valorizzazione e di far la conoscere l’immenso patrimonio speleologico che si nasconde nel sottosuolo del  territorio.

E’ stato  necessario formare due gruppi di visita, divisi tra visita di mattina e di pomeriggio, a causa delle numerose richieste che sono giunte sulla nostra posta elettronica mngrottedifalvaterra@gmail.com; purtroppo non siamo riusciti a soddisfare tutti, dato che il numero di partecipanti era comunque limitato.

Questo non impedirà di poter visitare, con le stesse modalità, la parte speleologica della grotta, poiché è nostra intenzione di rendere permanente tale attività con un’opera di sistemazione e semplificazione nei passaggi.

Molti i giovani e ragazzi che hanno partecipato, ma con un buon gruppo di persone adulte e qualche signora, che con spirito di avventura si sono cimentati in passaggi tra canotti, corde, tratti allagati, rocce e cascate da risalire.

Molti di loro avevano già visitato le nostre grotte turistiche di Falvaterra, attrezzate con passerelle per i primi 250 metri,  il fatto di tornare la dice lunga sull’apprezzamento del luogo e di come siano rimasti colpiti dal fascino di una grotta attiva, con un piccolo fiume sotterraneo in perenne movimento.

Per quanto vale il discorso che ogni grotta ha una sua bella particolarità possiamo comunque affermare che poche sono le grotte in Italia che possono vantare  la presenza di acqua in perenne  scorrimento associata a tratti con forte concrezionamento, altezze che superano in più punti i trenta metri, laghetti sotterranei e cascate, senza tralasciare aspetti biologici e geologici del sistema. 

La visita, durata quasi tre ore,  ha comportato l’attraversamento, con una semplice attrezzatura speleologica e canotti, di un bel tratto del ramo attivo delle nostre grotte, attraversate da un piccolo fiume sotterraneo che nasce a Pastena, con il nome di Fosso Mastro e risorge  a Falvaterra, con il nome di Rio Obaco;  in realtà si tratta di un unico corso che, in sotterranea, attraversa la montagna di Monte Lamia per poi confluire nel Fiume Sacco.

Doveroso il ringraziamento a quanti hanno collaborato per la buona riuscita di un evento di responsabilità, in particolare i gestori della pagina  Facebook  “Ciociara e monumento naturale grotte di Falvaterra”, il personale delle nostre grotte, i volontari e l’Associazione Carabinieri di Ceprano.

Come anticipato il ricavato, legato ad un’ offerta da parte dei visitatori,   è  destinato allo scopo di  operare un’attenta analisi ambientale delle nostre acque e del nostro ambiente, con consulenze universitaria, al fine di sottolineare, con sempre maggiore attenzione, le problematicità  in difesa del complesso ecosistema ipogeo ed epigeo duramente minacciato da attività sulle quali si sta sorvolando da tempo.

Abbiamo sottolineato più volte che non si tratta unicamente di proteggere il patrimonio speleologico o l’ambiente naturale dell’importante Monumento naturale, ma la nostra stessa esistenza e salute poiché le acque della nostra grotta sono le stesse che alimentano le nostre sorgenti ed acquedotti, rappresentando, senza alcuna ombra di dubbio, un patrimonio di inestimabile valore  per il paese di Falvaterra e per l’intero territorio.

Volontari "Puliamo le nostre Grotte"



Delibere di Giunta

Delibere di Consiglio


Site Map