Home presentazione Trasparenza Am. attivitą Albo Pretorio
Home
presentazione
Trasparenza Am.
attivitą
Albo Pretorio
fotoalbum
storia
organizzazione
news
falvaterra
pastena
pico
pontecorvo
s. g. incarico
bandi concorsi
statuto
video
convocazioni
 Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi.
 

Su di uno sperone dei monti Ausoni, in bella posizione dominante la Valle del Sacco, si incontra questo centro, la cui origine risale al periodo delle invasioni longobarde nella Valle del Liri. Infatti, nel VI secolo, gli abitanti della città romana di Fabrateria Nova, situata a valle presso il lago di Isoletta d'Arce e San Giovanni Incarico furono costretti a rifugiarsi sul colle dove oggi sorge Falvaterra, conservando il nome, anche se corrotto, della città originaria. Il nome Falvaterra deriva infatti da "Fabra" (terra di fabbri) e "Trerus" (antico nome del Sacco). Non a caso sullo stemma civico sono rappresentati un'incudine e due martelli.
Recentemente sono state scoperte, in località Castellone, mura di tipo Poligonali, risalenti al periodo preromano e costituenti insediamenti tra i più antichi del territorio.
Tra i monumenti della città spiccano il castello (sec. XIII), in buono stato di conservazione, il parco della chiesa, la silenziosa piazzetta medioevale da cui si diparte un bel vicolo adorno di archi e logge. 
Aperte recentemente, nel monumento naturale regionale, le Grotte turistiche di Falvaterra, informazioni sul sito delle  Grotte di Falvaterra
La stupenda posizione naturale di Falvaterra è già stata celebrata nell'antichità dal poeta latino Giovenale che parla di "Fabrateria" come luogo di ameno riposo. Ma oltre a rasserenare lo spirito, la nostra cittadina offre al turista i buoni prodotti della sua terra (olio, vino) e le diverse qualità degli ottimi latticini (ricotte, caciotte, marzoline).





Site Map